Rinviato a luglio il termine di versamento delle imposte

Pubblicato il in News

E' stata ufficializzata ieri la proroga che tutti si auguravano: anche per quest'anno, i contribuenti che svolgono un'attività per la quale è previsto uno studio di settore e che dichiarano ricavi fino a 5.164.569 Euro, avranno tempo fino al 7 luglio per effettuare il versamento delle imposte.

Come per gli anni passati, potranno inoltre beneficiare della proroga:

- i soggetti che presentano una causa di esclusione o inapplicabilità degli studi,

- i contribuenti minimi,

- coloro che hanno optato per il nuovo regime forfettario,

- i soggetti che dichiarano un reddito imputato loro per trasparenza da un soggetto che è tenuto alla compilazione degli studi (ad esempio i soci di società di persone o i collaboratori di imprese familiari).

Tali contribuenti, quindi, potranno effettuare il versamento originariamente previsto per il prossimo 16 giugno, entro il 7 luglio oppure entro il 20 agosto pagando con la maggiorazione dello 0,4%.

Lo slittamento interessa tutte le imposte e i contributi connessi al reddito dichiarato: IRES, IRPEF, IRAP, IVIE e IVAFE ma anche le imposte sostitutive (es. cedolare secca), i contributi INPS, il diritto annuale della Camera di Commercio e il saldo IVA in caso di dichiarazione unificata o di adeguamento agli studi. 

Ricordiamo infine che i soci di Srl non trasparenti potranno beneficiare del differimento dei termini solamente per quanto riguarda i contributi INPS, mentre seguiranno il termine ordinario del 16 giugno per quanto riguarda il versamento dell'IRPEF.