Riduzione della base imponibile IMU per gli immobili in comodato

Pubblicato il in News

La Legge di stabilità 2016 ha introdotto un'importante agevolazione fiscale che prevede la riduzione della base imponibile IMU e TASI per gli immobili concessi in comodato a parenti in linea retta entro il primo grado (ovvero tra genitori e figli).

I requisiti per usufruire dell'agevolazione sono i seguenti:

1. il proprietario dell'immobile deve essere residente nello stesso comune in cui è ubicato l'immobile oggetto di comodato;

2. il comodante non deve possedere, nello stesso comune, ulteriori immobili oltre a quello oggetto del comodato e di quello adibito a propria abitazione principale;

3. l'immobile non deve rientrare nelle categorie catastali A1, A8 o A9;

4. il contratto di comodato deve necessariamente essere registrato;

5. è necessario presentare la dichiarazione IMU per attestare la sussistenza di tutti i requisiti necessari per beneficiare dell'agevolazione.


In relazione al presupposto indicato al punto 4, per poter beneficiare della riduzione a partire da gennaio 2016, è quindi necessario che i contratti di comodato già in essere vengano registrati (qualora non lo fossero già) entro il 15 gennaio 2016 mentre per i contratti di nuova stipula, gli stessi dovranno decorrere al più tardi dal 15 gennaio mentre per la registrazione si avrà tempo 20 giorni a partire dalla decorrenza.