Circolare n. 23/2020: Le nuove misure finanziarie previste dal "Decreto Liquidità"

Pubblicato il in Circolari

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dello scorso 8 aprile il c.d. "Decreto Liquidità".

Nel seguito si riassumono brevemente le misure previste a sostegno della liquidità delle imprese, dei lavoratori autonomi e dei professionisti.

1. Le modifiche al Fondo centrale di Garanzia

Con il "Decreto Liquidità" vengono integrate le disposizioni sul funzionamento del Fondo Centrale di Garanzia(1).

Nella tabella che segue vengono riportate le modifiche introdotte, ad integrazione e/o modifica di quanto anticipato nella nostra circolare n. 20/2020.


 Importo massimo garantito per singola impresa

Fino a 5 milioni di Euro.

L'importo garantito non dovrà essere superiore, alternativamente, ai seguenti parametri:

- doppio della spesa salariale (inclusi oneri sociali e costo del personale alle dipendenze dei subcontraenti che lavora però nel sito della beneficiaria del finanziamento) sostenuta nel 2019 dalla richiedente il finanziamento.

- 25% del fatturato 2019.

- Fabbisogno per costi del capitale circolante (es. magazzino) e investimenti nei successivi 18 mesi (nel caso di PMI) o 12 mesi (nel caso di imprese di maggiori dimensioni). 

 Costo della garanziaZero. 
 Imprese ammesseImprese con numero di dipendenti fino a 499. 
 Percentuale di copertura della garanzia90% (2) per operazioni con durata fino a 72 mesi. 
 Soggetti con criticità finanziariePossono ottenere la garanzia anche i soggetti che hanno esposizioni verso il sistema bancario classificate come "inadempienze probabili", "scadute", "sconfinanti" o "deteriorate". 
 Soggetti in concordato preventivo in continuità e soggetti che hanno presentato un piano attestato ex art. 67 R.D. 267/42

L'ottenimento della garanzia è subordinato al rispetto delle seguenti condizioni:

- le esposizioni non devono essere più classificabili come "deteriorate".

- Non ci siano importi arretrati successivi all'applicazione della garanzia.

- Valutazione positiva da parte della banca in merito all'integrale rientro dell'esposizione alla scadenza. 

 Soggetti con esposizioni debitorie "in sofferenza"Esclusi dalla possibilità di ottenere la garanzia. 


2. Accesso al Fondo Centrale di Garanzia da parte di soggetti danneggiati dall'emergenza sanitaria COVID-19 per importi fino a 25.000 Euro

Nella tabella che segue riepiloghiamo brevemente le condizioni di accesso al Fondo da parte di soggetti che abbiano subito un danno a seguito dell'emergenza sanitaria in corso e che necessitino di finanziamenti fino a 25.000 Euro.

 Soggetti ammessiImprese, lavoratori autonomi e liberi professionisti la cui attività è stata danneggiata dall'emergenza sanitaria COVID-19 
 Ammontare della garanzia100% dell'importo finanziato.
 Costo della garanziaZero. 
 Caratteristiche del finanziamento

- Durata massima: 72 mesi con preammortamento di 24 mesi.

- Importo massimo finanziabile: 25% dei ricavi risultanti dall'ultimo bilancio depositato o dall'ultima dichiarazione presentata alla data di inoltro della domanda.

- importo massimo erogabile: 25.000 Euro. 

 Procedura di concessione della garanziaAutomatica. 

La garanzia può essere richiesta anche su operazioni finanziarie già perfezionate ed erogate dal soggetto finanziatore da non oltre 3 mesi dalla data di presentazione della richiesta e, comunque, in data successiva al 31 gennaio 2020.

3. Le imprese con ricavi fino a 3.200.000 Euro

Per le imprese che hanno realizzato nel 2019 ricavi fino a 3.200.000 Euro è prevista la possibilità di richiedere un finanziamento garantito al 100%.

Le caratteristiche della misura in esame sono le seguenti:

 Soggetti ammessiImprese, lavoratori autonomi e liberi professionisti la cui attività è stata danneggiata dall'emergenza sanitaria COVID-19 con ricavi fino a 3.200.000 Euro. 
 Ammontare della garanzia

100% dell'importo finanziario di cui:

90% garanzia statale + 10% garanzia confidi o altro fondo. 

 Costo garanziaZero. 
 Caratteristiche del finanziamento

- Importo massimo finanziabile: 25% dei ricavi.

- Importo massimo erogabile: 800.000 Euro. 

 Procedura di concessione della garanziaAutomatica. 


4. La garanzia SACE

Viene attribuita a SACE Spa(3) la possibilità di concedere garanzie, a favore delle banche e degli altri istituti di credito, per l'erogazione di finanziamenti sotto qualsiasi forma alle imprese italiane(4).

Possono beneficiare della garanzia di SACE Spa le imprese di qualunque dimensione con il vincolo però che le PMI devono preliminarmente aver esaudito il plafond massimo disponibile per ottenere coperture da parte del Fondo di garanzia per le PMI(5) previsto dalla L. 662/1996.

La garanzia è a prima richiesta, esplicita, irrevocabile e conforme ai requisiti previsti dalla normativa di vigilanza e copre i nuovi finanziamenti concessi alle imprese successivamente all'entrata in vigore del Decreto in esame per l'importo di capitale, interessi e oneri accessori fino all'importo massimo garantito.

Sulle obbligazioni di SACE Spa lo Stato riconosce la propria garanzia a prima richiesta, esplicita, incondizionata, irrevocabile.

4.1. Le condizioni per ottenere la garanzia

Per poter ottenere la garanzia di SACE Spa, l'impresa beneficiaria deve rispettare alcuni requisiti.

In particolare è richiesto che:

  • alla data del 31.12.2019, non sia classificata nella categoria delle imprese in difficoltà, in base alla definizione comunitaria;
  • alla data del 29.02.2020, non presenti esposizioni deteriorate nei confronti del settore bancario, in base alla definizione prevista dalla normativa europea.;
  • nel corso del 2020 non distribuisca dividendi né riacquisti azioni per sé né per ogni altra impresa appartenente al medesimo gruppo societario;
  • dovranno essere gestiti i livelli occupazionali attraverso accordi sindacali.

Chiaramente, l'assunzione del rischio residuale da parte dei soggetti finanziatori, pur in presenza del rilascio dell'eventuale garanzia, dovrà essere valutata in funzione del merito del credito dell'impresa beneficiaria sulla base di un'istruttoria condotta dall'istituto finanziatore e non si potrà non tenere conto di situazioni precedenti di difficoltà finanziarie già conclamate in capo all'azienda.

4.2. Caratteristiche dei finanziamenti

Possono essere coperti dalla garanzia rilasciata da SACE Spa i finanziamenti erogati entro il 31 dicembre 2020, di durata non superiore a 6 anni, con la possibilità per le imprese di avvalersi di un preammortamento fino a 24 mesi.

La norma è applicabile a finanziamenti erogati sotto qualunque forma.

L'ammontare del finanziamento assistito da garanzia non può essere superiore al maggiore tra i seguenti importi:

  • 25% del fatturato 2019 (6), così come risultante dal bilancio approvato o dalla dichiarazione fiscale;
  • il doppio dei costi del personale(7) che l'impresa ha sostenuto nel 2019, come risultante dal bilancio.

Nel caso di inizio attività successivamente al 31.12.2018, i medesimi parametri andranno verificati con riferimento alle previsioni relative ai primi due anni di attività.

Il rispetto delle citate condizioni dovrà essere attestato da una specifica dichiarazione rilasciata dal legale rappresentante dell'impresa.

Altra condizione fondamentale è che il finanziamento ottenuto con la garanzia deve essere destinato a sostenere:

  • i costi del personale;
  • gli investimenti;
  • il capitale circolante.

Il legale rappresentante dell'impresa dovrà rilasciare una specifica dichiarazione in cui attesti di utilizzare le risorse ricevute esclusivamente in stabilimenti produttivi e attività imprenditoriali localizzati in Italia.

4.3. Percentuali di copertura della garanzia SACE

Si riportano, nella tabella che segue, le diverse percentuali di copertura della garanzia in base alle caratteristiche dell'impresa beneficiaria.

Caratteristiche dell'impresaPercentuale di copertura della garanzia(8) 

Dipendenti: fino a 5.000

Fatturato: fino a 1,5 miliardi di Euro

90% dell'importo del finanziamento 

Dipendenti: più di 5.000

Fatturato: tra 1,5 miliardi e 5 miliardi di Euro

80% dell'importo del finanziamento 

Dipendenti: non rilevante

Fatturato: oltre 5 miliardi di Euro

70% dell'importo del finanziamento 

4.4. Procedura per l'accesso alla garanzia

Sono previste procedure diverse per l'accesso alla garanzia, in base alle dimensioni dell'impresa richiedente.

In particolare:


 Imprese con fatturato fino a 1,5 miliardi di Euro e fino a 5.000 dipendenti

Procedura semplificata:

- L'impresa presenta la richiesta di finanziamento garantito ad un intermediario finanziario;

- In caso di istruttoria positiva, l'intermediario trasmette la richiesta a SACE Spa che si limiterà a prendere atto dell'istanza e ad emettere un "codice unico identificativo del finanziamento e della garanzia";

- L'intermediario finanziario eroga le somme richieste. 

 Imprese con fatturato superiore a 1,5 miliardi di Euro e più di 5.000 dipendenti

Procedura ordinaria:

si tratta dei medesimi passaggi previsti dalla procedura semplificata ma è inoltre previsto il rilascio di un apposito decreto da parte del MEF che verrà emesso tenendo conto del ruolo che l'impresa richiedente svolge rispetto a precise aree e settori strategici in Italia (contributo allo sviluppo tecnologico, appartenenza alla rete logistica e dei rifornimenti, incidenza su infrastrutture critiche e strategiche, impatto sui livelli occupazionali, ruolo ricoperto in una filiera produttiva strategica).


Note:

(1) cfr art. 13 DL 23/2020

(2) L'innalzamento della percentuale di copertura della garanzia diretta al 90% dell'ammontare di ciascuna operazione finanziaria è subordinata al rilascio di apposita autorizzazione da parte della Commissione Europea.

(3) SACE Spa è una società controllata dalla Cassa Depositi e Prestiti che si occupa di assicurazione e servizi finanziari per aziende che fanno esportazioni.

(4) cfr art. 1 DL 23/2020

(5) A tale proposito si rimanda alla ns. circolare n. 20/2020 integrata con quanto esposto al precedente paragrafo 1.

(6) Il fatturato da considerare è esclusivamente quello realizzato in Italia

(7) Il costo da considerare è quello relativo al personale dipendente impiegato in Italia.

(8) Il limite massimo della garanzia concedibile deve essere calcolato considerando tutti i finanziamenti ottenuti dalla medesima impresa (o da tutte le imprese appartenenti al medesimo gruppo societario) che siano assistiti dalla garanzia SACE o da altra garanzia pubblica.