Circolare n. 08/2016: La disciplina fiscale degli omaggi

Pubblicato il in Circolari

Con l'avvicinarsi delle festività natalizie torna ad essere particolarmente attuale la problematica del trattamento fiscale applicabile agli omaggi effettuati nei confronti di soggetti terzi.

Riteniamo quindi opportuno riportare alla Vostra attenzione quanto segue.

A) Disciplina degli omaggi ai fini IVA

 Tipologia di omaggio Trattamento fiscale acquisto Trattamento fiscale cessione gratuita 
 Beni oggetto dell'attività d'impresa IVA DETRAIBILE Operazione IMPONIBILE*
 Beni non rientranti nell'attività d'impresa  Valore unitario < 50 Euro IVA DETRAIBILE Operazione FUORI CAMPO IVA
 Valore unitario > 50 Euro IVA INDETRAIBILE

* L'imposta detratta sugli acquisti andrà riversata mediante l'emissione di un'autofattura o attraverso l'annotazione nel registro degli omaggi.

Ricordiamo inoltre che, qualora ai dipendenti venissero omaggiati beni non rientranti nell'attività d'impresa, indipendentemente dal valore, l'IVA sugli acquisti è INDETRAIBILE.

B) Disciplina degli omaggi ai fini IRES

 Valore unitario < 50 Euro Costo DEDUCIBILE AL 100%
 Valore unitario > 50 Euro Costo DEDUCIBILE NEI LIMITI PERCENTUALI fissati dall'art. 108 c. 2 del TUIR*

* I limiti di deducibilità fissasti dal TUIR per le spese sostenute nel 2016 sono i seguenti:

  • Ricavi fino a 10.000.000 Euro: 1,5%
  • Parte di ricavi eccedente 10.000.000 Euro e fino a 50.000.000 Euro: 0,6%
  • Parte di ricavi eccedente 50.000.000 Euro: 0,4%

Omaggi a favore dei dipendenti: i costi sono deducibili integralmente ai fini IRES. Qualora fossero sostenuti per finalità di istruzione, educazione, ricreazione, assistenza sociale, sanitaria o di culto, tuttavia, la deducibilità sarebbe nel limite del 5 per mille delle spese per prestazioni di lavoro dipendente.

Cene di Natale organizzate con i propri collaboratori e dipendenti: le spese sono deducibili al 75% nel limite del 5 per mille dei costi per prestazioni di lavoro dipendente.

C) Disciplina degli omaggi ai fini IRAP

Le spese di rappresentanza, ivi incluse quelle per gli omaggi, sono deducibili ai fini IRAP per l'importo stanziato a conto economico.

Se tali spese sono destinate a dipendenti o collaboratori, tuttavia:

  • sono deducibili se funzionali all'attività d'impresa e non assumono natura retributiva per il dipendente/collaboratore;
  • sono indeducibili se vengono considerati tra le spese per il personale in quanto assumono natura retributiva.

D) Disciplina degli omaggi ai fini IRPEF

Per quanto riguarda i lavoratori autonomi, ai fini IVA vale la stessa disciplina esposta nel paragrafo A). La differenza riguarda invece il trattamento fiscale da applicare alle spese sostenute per omaggi ai fini IRPEF e IRAP.

Ai fini IRPEF, infatti, le spese relative ai beni distribuiti gratuitamente di valore unitario non superiore a 50,00 Euro concorrono a formare il plafond delle spese di rappresentanza deducibili nell'esercizio pari all'1% dei compensi percepiti nel periodo d'imposta. Per quanto riguarda invece l'IRAP, tali costi sono interamente deducibili.

Particolare attenzione va posta anche in questo caso agli omaggi effettuati a favore di dipendenti e collaboratori. A tale proposito segnaliamo che il TUIR non disciplina espressamente tale tipologia di spesa ma secondo l'orientamento dottrinale prevalente tale costo è deducibile integralmente ai fini IRPEF ai sensi dell'art. 54 c. 6 del TUIR mentre è indeducibile ai fini IRAP.