Circolare n. 06/2021: Le novità del Decreto "Sostegni"

Pubblicato il in Circolari

E' stato approvato lo scorso venerdì il c.d. Decreto "Sostegni"(1), contenente nuove importanti misure di aiuto per imprese, lavoratori autonomi e cittadini a seguito dell'emergenza sanitaria ed economica causata dal Covid-19.

Rimandando ad una circolare successiva il focus sul nuovo contributo a fondo perduto, nel presente documento riportiamo una breve sintesi delle principali altre disposizioni fiscali.

Registri Iva e liquidazioni precompilate

Viene rinviato alle operazioni Iva effettuate dal 1° luglio 2021 l'avvio sperimentale della predisposizione delle bozze dei registri Iva e delle Li.Pe da parte dell'Agenzia delle Entrate.

Dichiarazioni Iva precompilate

A partire dalle operazioni effettuate dal 1° gennaio 2022, l'Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei contribuenti anche la bozza della dichiarazione annuale Iva.

Sospensione dei termini di versamento

E' stata prorogata la sospensione dei termini di versamento derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di accertamento esecutivi e avvisi di addebito INPS la cui scadenza era originariamente prevista tra l'08.03.2020 e il 20.02.2021(2).A seguito dell'entrata in vigore del nuovo decreto, la sospensione riguarderà anche le scadenze comprese tra l'01.03.2021 e il 30.04.2021.

Le rate sospese andranno versate tutte entro il 31.05.2021.

Proroga dei termini di notifica delle cartelle

Con riferimento ai carichi affidati all'agente della riscossione durante il periodo di sospensione dei versamenti (quindi nel periodo compreso tra l'08.03.2020 e il 30.04.2021) e fino al 31.12.2021, viene disposta la proroga di 24 mesi dei termini di decadenza e prescrizione relativi alle stesse cartelle.

Rottamazione dei ruoli e c.d. "saldo e stralcio"

La normativa precedente prevedeva l'obbligo di versamento delle rate scadute nel 2020 relative sia alla procedura di rottamazione che al c.d. "saldo e stralcio" entro il prossimo 1° marzo 2021.Con il Decreto "Sostegni", invece, viene previsto che:

  • Le rate scadute nel 2020 andranno versate entro il 31 luglio 2021;
  • Le rate scadute il 28 febbraio 2021 o in scadenza i prossimi 31 marzo, 31 maggio e 31 luglio 2021, andranno versate entro il 30 novembre 2021.

Alle scadenze rinviate si applica la tolleranza dei cinque giorni normalmente prevista per i ridardi nei pagamenti delle rate da rottamazione dei ruoli.

Definizione agevolata delle comunicazioni di irregolarità

I soggetti titolari di partita Iva attiva alla data dell'entrata in vigore del DL "Sostegni" che abbiano subito una riduzione del volume d'affari 2020 rispetto a quello del 2019 almeno pari al 30%, possono beneficiare della definizione agevolata degli avvisi bonari relativi al 2017 e al 2018.

Aderendo a tale possibilità, si otterrà lo stralcio delle sanzioni amministrative e delle altre somme aggiuntive dovute con riferimento alle somme derivanti dalla liquidazione automatica delle dichiarazioni dei redditi.

Annullamento delle cartelle fino a 5.000 Euro

E' previsto l'annullamento automatico di tutti i debiti che, alla data di entrata in vigore del DL "Sostegni", risultano inferiori a 5.000 Euro.

Le cartelle agevolabili sono quelle affidate all'agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2010.

Lo stralcio non si applica:

  • all'Iva dovuta sulle importazioni;
  • alle somme dovute a titolo di recupero di aiuti di Stato di cui si è indebitamente beneficiato;
  • alle somme dovute a seguito di una pronuncia di condanna da parte della Corte dei Conti;
  • alle somme dovute a titolo di multe, ammende e sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti e sentenze penali di condanna.

I soggetti che possono beneficiare dell'annullamento sono i contribuenti che nel 2019 (o, per le società, nell'esercizio in corso al 31 dicembre 2019) hanno percepito un reddito imponibile fino a 30.000 Euro.

Si precisa che fino alla data dell'annullamento, le rate in scadenza non sono comunque dovute.



Note:

(1) Il DL è stato approvato dal Consiglio dei Ministri in data 19.03.2021 ma entrerà in vigore il giorno successivo rispetto alla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, al momento non ancora avvenuta.

(2) Cfr. art. 68 DL 18/2020 c.d. "Cura Italia" e successive modifiche.