Circolare n. 02/2022: Legge di Bilancio 2022 - Le novità per le persone fisiche

Pubblicato il in Circolari

Il 1° gennaio scorso è entrata in vigore la Legge di Bilancio 2022(1).

Nel seguito si riportano in sintesi le principali misure e agevolazioni fiscali previste per le persone fisiche.

Precisiamo fin da ora che sono previste alcune proroghe in tema di "bonus edilizi" che saranno oggetto di trattazione in un'apposita circolare di prossima emanazione.

Modifica delle aliquote IRPEF(2)

A partire dal 1° gennaio 2022 sono previsti 4 scaglioni di reddito imponibile ai fini IRPEF in luogo dei precedenti 5 scaglioni.

Nel dettaglio, le nuove fasce di reddito e le relative aliquote fiscali saranno le seguenti:

 SCAGLIONI DI REDDITO E ALIQUOTE
 FINO AL 2021 DAL 2022
 Fino a € 15.00023% Fino a € 15.000 23% 
 Oltre € 15.000 e fino a € 28.00027% Oltre € 15.000 e fino a € 28.000 25% 
 Oltre € 28.000 e fino a € 55.00038% Oltre € 28.000 e fino a € 50.000 35% 
 Oltre € 55.000 e fino a € 75.00041% Oltre € 50.000 43% 
 Oltre € 75.00043%   


Per quanto riguarda le addizionali regionali e comunali, gli enti locali hanno tempo fino al 31 marzo 2022 per adeguare gli scaglioni e le relative aliquote.

Modifica del sistema delle detrazioni IRPEF(3)

Al fine di agevolare i redditi derivanti dall'attività lavorativa, il legislatore ha cercato di mitigare l'impatto della nuova tassazione attraverso la previsione di una detrazione IRPEF, da applicarsi in maniera progressiva, al reddito derivante da lavoro autonomo, dipendente o da pensione.

Nella tabella che segue sono riportate le nuove misure:


 NUOVE DETRAZIONI
 Redditi da lavoro dipendente

Reddito complessivo fino a 15.000 Euro (prima il limite era 8.000 Euro) --> 1.880 Euro. L'ammontare della detrazione effettivamente spettante non può essere inferiore a 690 Euro.

Per i rapporti di lavoro a tempo determinato, l'ammontare della detrazione effettivamente spettante non può essere inferiore a 1.380 Euro.

Reddito complessivo superiore a 15.000 Euro ma inferiore a 28.000 Euro --> 1.910 Euro (invece dei precedenti 978 Euro), aumentata del prodotto tra 1.190 Euro e l'importo corrispondente al rapporto tra 28.000 Euro, diminuito del reddito complessivo, e 13.000 Euro
Reddito complessivo superiore a 28.000 Euro ma inferiore a 50.000 Euro (prima il limite era 55.000 Euro) --> la detrazione di 1.910 Euro spetta per la parte corrispondente al rapporto tra 50.000 Euro, diminuito del reddito complessivo, e 22.000 Euro. L'importo spettante, comunque, non può superare 1.910 Euro.
E' prevista un'ulteriore detrazione fissa aggiuntiva di 65 Euro per i redditi compresi tra 25.000 Euro e 35.000 Euro.
 Redditi da pensioneReddito complessivo fino a 8.500 Euro (prima il limite era 8.000 Euro) --> 1.955 Euro. L'ammontare della detrazione effettivamente spettante non può essere inferiore a 713 Euro
Reddito complessivo superiore a 8.500 Euro ma inferiore a 28.000 Euro (prima il limite era 15.000 Euro) --> 700 Euro (invece dei precedenti 1.297 Euro), aumentata del prodotto tra 1.255 Euro e l'importo corrispondente al rapporto tra 28.000 euro, diminuito del reddito complessivo, e 19.500 Euro.
Reddito complessivo superiore a 28.000 euro ma inferiore a 50.000 Euro (prima il limite era 55.000 Euro) --> la detrazione di 700 Euro spetta per la parte corrispondente al rapporto tra 50.000 Euro, diminuito del reddito complessivo, e 22.000 Euro. L'importo spettante, comunque, non può superare 700 Euro.
E' prevista un'ulteriore detrazione fissa aggiuntiva di 50 Euro per i redditi da pensione compresi tra 25.000 Euro e 29.000 Euro
 Redditi da lavoro autonomo e altri redditiReddito complessivo fino a 5.500 Euro (prima il limite era 4.800 Euro) --> 1.265 Euro (invece dei precedenti 1.104 Euro).
Reddito complessivo superiore a 5.500 Euro ma inferiore a 28.000 Euro --> 500 Euro, aumentata del prodotto tra 765 Euro e l'importo corrispondente al rapporto tra 28.000 Euro, diminuito del reddito complessivo, e 22.500 Euro.
Reddito complessivo superiore a 28.000 Euro ma inferiore a 50.000 Euro --> la detrazione di 500 Euro spetta per la parte corrispondente al rapporto tra 50.000 Euro, diminuito del reddito complessivo, e 22.000 Euro. L'importo spettante, comunque, non può superare 500 Euro.
E' prevista un'ulteriore detrazione fissa aggiuntiva di 50 Euro per i redditi assimilati a lavoro dipendente compresi tra 11.000 Euro e 17.000 Euro. 

Note:

(1) L. n. 234 del 30 dicembre 2021

(2) Art. 1 comma 2 lettera a) L. n. 234 del 30 dicembre 2021

(3) Art. 1 comma 2 lettera b) L. n. 234 del 30 dicembre 2021