Circolare n. 01/2023: Le novità per il regime forfettario

Pubblicato il in Circolari

La Legge di Bilancio 2023, pur non modificando l'impianto normativo del regime fiscale dei c.d. "contribuenti forfettari"(1), ha ampliato la platea di coloro che vi possono avere accesso dal momento che è stata aumentata la soglia massima dei ricavi conseguibili in un singolo periodo d'imposta. 

Nel seguito, proponiamo quindi un vademecum per verificare se nel 2023 è possibile adottare o mantenere il regime forfettario.

Le cause ostative

Il regime forfettario è ammesso solamente per le persone fisiche (ditte individuali, liberi professionisti o imprese familiari) che:

  • non svolgono attività per le quali è prevista l'applicazione di un regime IVA speciale (es. editoria, agricoltura, ecc.) o di un meccanismo forfettario di determinazione del reddito;
  • non svolgono, in via esclusiva o prevalente, attività di cessioni di fabbricati o di mezzi di trasporto nuovi;
  • conseguono ricavi/compensi non superiori a 100.000 Euro(2).

I requisiti

Una volta verificata l'assenza di cause ostative, è poi necessario rispettare alcuni requisiti se si vuole accedere o permanere nel regime forfettario.

In particolare, non possono aderire al regime forfettario:

  • i soggetti non residenti(3);
  •  i contribuenti che hanno una partecipazione, anche minima, in una società di persone, associazioni o imprese familiari;
  • coloro che controllano direttamente o indirettamente Srl o associazione in partecipazione che svolga attività economica riconducibile a quella per la quale si vuole beneficiare del regime forfettario;
  • coloro che nell'anno precedente hanno percepito un reddito da lavoro dipendente o assimilato (es. reddito da pensione) superiore a 30.000 Euro, salvo che il rapporto di lavoro sia cessato(4).

Inoltre, è possibile applicare il regime forfettario nel 2023 se:

  • l'attività non viene svolta in prevalenza nei confronti di soggetti con i quali, nei due anni precedenti, erano in corso rapporti di lavoro dipendente(5);
  • nell'anno precedente non si sono sostenute spese per lavoro dipendente o assimilato superiori a 20.000 Euro;
  • i ricavi percepiti nell'anno precedente non sono superiori a 85.000 Euro(6). Si tratta della novità introdotta dalla Legge di Bilancio 2023. L'innalzamento della soglia significa che, a differenza di quanto accadeva in precedenza, se nel 2022 un contribuente ha percepito ricavi superiori a 65.000 Euro ma inferiori a 85.000 Euro, anche nel 2023 potrà continuare ad applicare il regime forfettario. Come già anticipato in precedenza, nel caso di conseguimento di ricavi compresi tra 85.000 Euro e 100.000 Euro, la fuoriuscita dal regime ha effetto a partire dall'anno successivo.



Note:

(1) Di cui all'art. 1 commi da 54 a 89 della L. 190/2014.

(2) Si tratta di una nuova causa ostativa introdotta dall'art. 1 comma 54 lettera a) della L. 197/2022 che comporta la fuoriuscita dal regime forfettario nel corso dello stesso esercizio in cui si superi detta soglia (la fuoriuscita avviene invece a partire dall'esercizio successivo nel caso in cui si percepiscano ricavi superiori a 85.000 Euro ma inferiori a 100.000 Euro).

(3) Fanno eccezione i soggetti residenti in uno degli Stati membri dell'UE o in uno Stato aderente all'Accordo sullo Spazio economico europeo che assicuri un adeguato scambio di informazioni e che producono in Italia almeno il 75% del proprio reddito complessivo.

(4) Si ricorda che, in presenza di redditi da lavoro dipendenti percepiti nel 2022 superiori a 30.000 Euro, sarà possibile usufruire del regime forfettario nel 2023 solo se il rapporto di lavoro è cessato entro il 31.12.2022 e se nel 2023 non è stato svolto nemmeno il periodo di preavviso.

(5) Si precisa che l'attività viene considerata come "prevalente" se i ricavi conseguiti con la stessa controparte superano il 50% dei ricavi complessivi. Il limite va rispettato con riferimento al datore di lavoro ma anche ai soggetti controllati direttamente o indirettamente dallo stesso. Al contrario, non si applica nel caso di un soggetto che inizia una nuova attività dopo aver svolto il periodo di pratica obbligatoria.

(6) Limite innalzato dall'art. 1 c. 54 lettera b) della L. 197/2022. Nel  caso di inizio attività in corso d'anno, il limite va ragguagliato in base ai giorni di effettiva attività.