Circolare n. 01/2016: Legge di Stabilità 2016 - Nuovi limiti all'utilizzo del denaro contante e obbligo di incasso tramite POS

Pubblicato il in Circolari

Tra le tante novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2016, riteniamo opportuno sottoporre alla Vostra attenzione le nuove regole in vigore dall'1 gennaio 2016 relativamente all'utilizzo del denaro contante e all'obbligo di accettare pagamenti mediante carte di debito o di credito.


I nuovi limiti all'utilizzo del denaro contante

Il limite per l'utilizzo del denaro contante è stato innalzato da 999,99 Euro a 2.999,99 Euro.

Viene invece lasciato invariato a 1.000,00 Euro l'importo a partire dal quale gli assegni bancari e postali, gli assegni circolari ed i vaglia devono riportare il nome o la ragione sociale del beneficiario e l'indicazione della clausola di non trasferibilità.


Modifiche inerenti disposizioni particolari

Vengono abrogate, sempre a far data dall'1 gennaio 2016, due disposizioni inerenti il pagamento dei canoni di locazione e delle attività svolte dagli autotrasportatori.

In particolare, in entrambi questi casi era vietato l'utilizzo del denaro contante indipendentemente dalla somma riscossa.

Attualmente, invece, torna applicabile la disciplina generale per cui l'obbligo di tracciabilità delle somme scatta solo a partire da 3.000,00 Euro.


Obbligo di accettazione dei pagamenti a mezzo POS

Già a partire dal 2014, i soggetti che effettuano l'attività di vendita di prodotti e di prestazioni di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare pagamenti tramite carte di debito (bancomat) per importi superiori a 30,00 Euro.

A partire dal 2016, inoltre:

  • viene imposto a questi soggetti di accettare i pagamenti non solo tramite carte di debito ma anche tramite carte di credito;
  • viene eliminato il riferimento all'importo minimo di 30,00 Euro, con la conseguenza che l'obbligo scatta anche per somme inferiori.

E' poi prevista l'emanazione di specifici decreti attuativi che fisseranno le fattispecie costituenti illecito e gli importi delle relative sanzioni.